Processi, tempi più brevi Protocollo d’intesa della Corte d’Appello. ” Specie non leggendo i giornali nelle lunghe attese, per i processi a cui non si è interessati “

Da pagina 40 del giornale  ” LA SICILIA ”  di sabato 22 Dicembre 2012, Caltanissetta, CL2212-CL04-40
bambino_che_legge_il_giornale

Abbreviare i tempi di durate dei processi e garantire il massimo rispetto delle parti. Sono gli obiettivi che avvocati e magistrati hanno fissato ieri siglando un protocollo d’intesa tra la Corte d’Appello ed i vari rappresentanti dell’avvocatura; un accordo simile era già stato siglato con il Tribunale.

Secondo quanto stabilito le udienze dovranno iniziare alle 9:30 e concludersi entro le 14:30; per quanto riguarda le udienze pomeridiane verranno fissate solo in caso di processi con detenuti da portare avanti in tempi molto rapidi e dovranno comunque concludersi entro le 17:30. Nel protocollo sono contenute altre piccole regole di comportamento quotidiano quali l’obbligo di indossare la toga, il divieto di tenere attive le suonerie dei cellulari e di leggere i giornali mentre sono in corso udienze alle quali alcuni degli avvocati o magistrati presenti in aula non sono interessati. Ieri mattina, per la sigla del protocollo d’intesa, erano presenti il presidente della Corte d’Appello di Caltanissetta Salvatore Cardinale, il procuratore generale Roberto Scarpinato, il presidente dell’Ordine forense nisseno Giuseppe Iacona, il presidente della Camera penale “Michelangelo Salerno” di Caltanissetta Salvatore Daniele e il presidente della Camera penale “Eschilo” di Gela Cristina Alfieri.
«Ancora una volta emerge la collaborazione tra gli uffici giudiziari di questo distretto e l’avvocatura – ha detto il presidente della Corte d’Appello Salvatore Cardinale – speriamo che questo renda ancora più agevole il lavoro di tutti noi in modo da garantire una giustizia ancora più veloce per gli imputati e per le persone offese».

Apprezzamento e soddisfazione sono arrivati anche da parte del dott. Scarpinato e degli avvocati Daniele, Iacona ed Alfieri che hanno sottolineato quanto sia importante dare un’immagine all’esterno di una Giustizia che funziona ed applica nono solo le norme del diritto, ma anche regole di rispetto e civiltà.

Riguardo agli uffici giudiziari c’è da dire che il dott. Scarpinato è stato il più votato nella commissione del Csm per il posto di procuratore generale a Palermo.
V. P.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...